CSC – Centro Studi Catulliani

 

Presso l’Università degli Studi di Parma è stato istituito il Centro Studi Catulliani. L’idea non nasce dalla presunzione di una completa offerta (è pur vero che abbiamo raccolto e digitalizzato quasi tutti i codici e discreta parte di bibliografia cartacea), ma, al contrario, di un centro di raccolta (di tutto quanto colleghi italiani e stranieri vorranno inviarci non solo di loro lavori ma anche, per esempio, di doppioni o altri libri che potrebbero andare dispersi) e di incontro con tutti gli studiosi che vorranno venire a Parma per arricchirci coi risultati delle loro ricerche: una sorta di seminario permanente. L’ipotesi è che il modello di tale operazione possa funzionare anche per altri Dipartimenti di Filologia classica che abbiano già il bicchiere mezzo (o un quarto) pieno su autori e temi del nostro settore scientifico. Uno, dieci, cento di questi centri (sto pensando su scala internazionale) potrebbero in futuro rendere enormemente più veloci ed efficaci le nostre ricerche, nonché, spero, enormemente meno dispendiose: una volta mappati i centri di raccolta potremmo tutti rivolgerci immediatamente ad essi ottimizzando tempi e risorse. Si tratta, ripeto, di una iniziativa appena nata che, per crescere, ha bisogno del contributo di tanti, per non dire di tutti.

Giuseppe Biondi

Membri del consiglio

Responsabili

Simone Gibertini

Responsabile per l’aggiornamento bibliografico e reponsabile del patrimonio documentario del Centro.

Gualtiero Rota

Responsabile scientifico sul Fortleben di Catullo nella tarda antichità greca e latina.


Referee permanenti

Paolo De Paolis
Università di Cassino e del Lazio Meridionale

Marco Fernandelli
Università di Trieste

Vincenzo Fera
Università di Messina

Alfredo Mario Morelli
Università di Cassino e del Lazio Meridionale


Segreteria di redazione

Susanna Bertone, Alessandro Bettoni, Francesco Cavalli, Giovanni Grandi